Cosa sono i POS portatili e quanto costano?

I POS (Point of Sale) portatili sono quei piccoli dispositivi che spesso vedi utilizzare nei negozi, nei mercati, nei ristoranti e persino nei taxi. La loro funzione principale è permettere ai commercianti, alle piccole imprese e ai liberi professionisti di accettare pagamenti con carte di credito, carte di debito e carte prepagate in qualsiasi luogo si trovino. Ad esempio, se sei a un mercato all’aperto e vuoi comprare qualcosa, con un POS portatile il venditore può facilmente accettare il tuo pagamento con carta senza dover disporre di un registratore di cassa fisso o di una linea telefonica dedicata.

Caratteristiche principali dei POS portatili:

  • Mobilità: Li puoi usare ovunque ci sia connessione, grazie al Wi-Fi, Bluetooth o alla rete mobile (3G/4G).
  • Compatibilità: Accettano diverse tipologie di carte, che siano con banda magnetica, chip o contactless/NFC. Inoltre, supportano pagamenti digitali come Apple Pay e Google Wallet.
  • Batteria ricaricabile: Hanno una batteria interna che consente un uso prolungato senza dover essere collegati a una presa di corrente.
  • Facilità d’uso: Sono progettati per essere semplici da configurare e utilizzare, anche per chi non ha molta dimestichezza con la tecnologia.
  • Sicurezza: Sono conformi agli standard di sicurezza PCI DSS, che garantiscono che tutte le transazioni siano protette da frodi e accessi non autorizzati.

Come funzionano

Il terminale POS si connette al dispositivo mobile tramite Bluetooth o USB. Il cliente inserisce, striscia o tocca la carta sul terminale POS. L’app mobile elabora la transazione e invia una richiesta di autorizzazione alla banca. Una volta approvata la transazione, l’app invia una ricevuta digitale via email o SMS al cliente.

Quanto costano?

Il costo di un POS portatile può variare a seconda del modello e del provider dei servizi di pagamento. Ecco una panoramica dei costi:

  • Acquisto del dispositivo: Il prezzo può variare da circa 20 a 200 euro. I modelli più economici offrono le funzionalità di base, mentre quelli più costosi includono caratteristiche avanzate come connettività 4G, schermi touch e la possibilità di stampare le ricevute.
  • Tariffe di transazione: Oltre al costo iniziale, la maggior parte dei provider applica una commissione su ogni transazione. Questa può essere una percentuale dell’importo (solitamente tra l’1% e il 3%) oppure una tariffa fissa per ogni transazione.
  • Canone mensile: Alcuni provider richiedono anche un canone mensile per l’uso del servizio, che può includere l’accesso al software di gestione delle transazioni, reportistica e assistenza clienti. Questo canone può variare da pochi euro fino a diverse decine di euro al mese.
Dispositivo POSCosto inizialeCommissioni per transazioneCosto mensileNote
SumUp Air29€1.95%NessunoFacile da usare, nessun costo fisso.
iZettle Reader 279€1.75%NessunoConosciuto per la sua affidabilità.
myPOS Go29€1.20% – 2.85%NessunoInclude una carta prepagata gratuita.
Axerve Easy POS50€0.95% – 1.50%15€ (opzionale)Commissioni competitive, piano senza costi fissi disponibile.
SumUp 3G99€1.95%NessunoFunziona senza smartphone, ideale per la mobilità.
Nexi Mobile POS29€1.89%NessunoAmpiamente accettato, supporto clienti disponibile.
PayPal Here79€2.75%NessunoIntegrato con PayPal, ottimo per chi già usa PayPal.
Square
Terminale base gratuito1,75%NessunoInterfaccia user-friendly, gestione dell’inventario
La tabella potrebbe non essere aggiornata di invito a consultare il prospetto informativo del pos prima di richiederlo.

Considerazioni Finali

Prima di scegliere un POS mobile, valuta attentamente: il volume dellet ransazioni: Se gestisci molte transazioni, potrebbe essere conveniente un piano con canone mensile e commissioni ridotte. Se hai un basso volume di transazioni, un POS mobile con commissioni di transazione leggermente più alte ma senza canone mensile potrebbe essere più economico, poiché eviti costi fissi e paghi solo quando effettui vendite.

Ad esempio un piccolo negoziante con un volume medio di transazioni. Potresti scegliere un POS mobile come SumUp o Square che non ha canone mensile ma applica commissioni sulle transazioni. Tuttavia, se il tuo negozio cresce e inizi a gestire un volume elevato di vendite, potrebbe essere più conveniente passare a un POS mobile come Axerve con un costo iniziale più alto ma commissioni di transazione più basse.

Attenzione anche allefunzionalitò, alcuni POS offrono funzionalità aggiuntive come gestione dell’inventario e reportistica avanzata. Ad esempio, hanno la capacità di generare report dettagliati sulle vendite, i prodotti più venduti, le fasce orarie di maggiore afflusso e altre metriche può aiutarti a prendere decisioni aziendali informate. Un’interfaccia intuitiva può risparmiare tempo e ridurre gli errori. Se il sistema è facile da capire, sia tu che i tuoi dipendenti potrete iniziare a utilizzarlo rapidamente senza bisogno di un lungo periodo di formazione. Assicurati che il provider offra un buon servizio clienti.