Protestato può aprire conto corrente?

Se sei segnalato al CRIF non è detto che la banca accetti la tua richiesta di apertura del conto corrente. Vediamo perchè e quali soluzioni ci sono in caso la banca si rifiuta di aprire il conto correte.

Non c’è nessuna legge dello Stato italiano che vieti l’utilizzo, o l’apertura, di un conto corrente a chi è segnalto al Crif, oppure ha subito un protesto.
O altra banca dati dove vengono registrati i cattivi pagatori. Ma chi sono i cattivi pagatori?
Sono definiti cattivi pagatori le persone che hanno avuto problemi nel pagamento delle rete di un finanziamento.
O non riescono a rimborsare del tutto il finanziamento.
E il loro nome finisce in queste banche dati che finanziarie e istituti di credito consultano prima di concedere un finanziamento come mutuo, prestito, fido.
Se segnalato potresti riuscire ad aprire il conto corrente sia in banca che al Bancoposta. Se hai subito un protesto invece la situazione si complica.

Apertura conto corrente protestato.

Le banche difficilmente rilasceranno un conto corrente, carta di credito e blocchetto degli assegni a un protestato.
Se diventi protestato rischi di diventare anche un soggetto non bancarizzato.
Ma ricorda che è ogni singola filiale a decidere se accettare o rifiutare l’apertura del conto corrente.
A questo punto cosa può fare un protestato per avere al meno un Iban dove accreditare bonifici, stipendio o pensione?

Quale conto corrente per protestato?

Puoi provare a chiedere l’apertura di un conto base, una particolare tipologia di conto corrente dove non vengono rilasciati il blocchetto degli assegni, carte di credito e nemmeno un fido. Anche in questo caso il conto di base lo trovi alle Poste.
Ricorda che con il conto corrente base si possono fare un numero limitato di operazioni.
Se hai la possibilità di cancellare il protesto fallo, non ti dico che avrai accesso al credito, ma in questo modo sarà più facile ottenere un conto corrente.

Sono protestato posso aprire un conto corrente postale? .

Tuttavia esistono delle soluzioni,lasciamo da parte le carte prepagate con Iban che può richiedere anche chi è protestato.Ad esempio puoi provare ad aprire un conto corrente postale, che è identico a quello bancario.
Con tanto di carta di pagamento, come la carta di debito e blocchetto degli assegni.
Altra alla posta puoi trovare in conto corrente di base.
In ogni caso non chiedere l’apertura di un conto corrente con affidamento, o il rilascio della carta di credito.