Imposta di bollo carta di credito

Cos’è l’imposta di bollo di €2 sulla carta di credito e quando si paga?
Iniziamo l’articolo con una buona notizia, non tutte le banche fanno pagare l’imposta di bollo sul rendiconto della carta di credito, previsto per legge quando si superano movimenti per €77,47. Se guardi sul prospetto informativo, oppure tra le condizioni economiche della carta di credito, alla voce imposta di bollo troverai €0. Se non  trovi tra le condizioni economiche della carta di credito il costo dell’imposta di bollo, controlla nel prospetto informativo del conto corrente, oppure invia una e-mail al servizio clienti della tua banca. Quando il prospetto riporta: “imposta di bollo se dovuta” è meglio approfondire.

L’imposta di bollo €2 della carta di credito si paga sul rendiconto, l’estratto conto che l’emittente della carta di credito invia al titolare della carta dove vengono riportati i movimenti che osno stati fatti con la carta di credito, spese, prelievi, costi di gestione. E si paga solo se i movimenti registrati nell’estratto conto superano €77,47.

Per semplificare, visto che la materia è complessa e si potrebbero scrivere decine e decine di pagine se le banche devono far pagare o no l’imposta di bollo, possiamo dire che sono esenti dall’imposta le carte di credito emesse e collocate direttamente dalla banca,  o che riportano i movimenti della carta di credito nello stesso estratto conto del conto corrente.
Per adesso molte banche riescono a non far pagare l’imposta al cliente ad esempio Fineco, widiba, Hello Bank, il conto corrente Arancio solo per fare degli esempi. Mentre si paga con le carte di credito solo collocate dalla banca ma emesse da società da terze.  Anche se, come scritto in precedenza, non  sempre il costo viene scaricato sul cliente. Ad esempio le carte di credito postali rilasciate ai correntisti del Bancoposta si paga l’imposta di bollo, perchè queste carte sono collocate dal Bancoposta ma emesse da società terze come Deutsche Bank, oppure Compass.

Carta di credito come si paga l’imposta di bollo.

La nota dolente è che l’imposta di bollo non è annuale ma si paga ogni volta che si riceve l’estratto conto, se i movimenti sono superiori a €77,47. Anche in questo caso ci sono banche che inviano l’estratto conto mensilmente e addebitano l’imposta mensilmente, altre trimestralmente riducendo i costi. Nell’arco di un anno si può arrivare a spendere €24 solo per l’imposta di bolo.