Cosa significa prelievo ATM?

Se scarichi il prospetto informativo della carta prepagata,ma anche della carta di credito, carta di debito, ma anche del conto corrente tra le tanti voci e costi troverai scritto   prelievo da ATM,. Sai cosa indica la sigla ATM?
Significa Automated Teller Machine, in Italia è conosciuto come Bancomat, sportello automatico che eroga denaro. Altre sigle da Bancomat che si trovano sul prospetto sono Pos, pin, card, tessera e conti.

In pratica lo sportello Bancomat, sistema di prelievo automatico di denaro contante, gestito dal consorzio Bancomat si trova installato nei pressi della banca.
Per quanto riguarda le Poste lo sportello automatico che eroga denaro si chiama Postamat, circuito di pagamento realizzato da poste italiane.

ATM non solo per prelevare.

Dallo sportello automatico è possibile prelevare denaro dal proprio conto corrente inserendo una carta di debito associata al conto.
O caricato sulla carta prepagata, ma anche con una carta di credito.
Esistono anche degli ATM evoluti dove oltre al prelievo è possibile versare assegni non trasferibili e denaro contante.
Inoltre si possono fare altre operazioni come ricaricare la carta prepagata, consultare saldo e movimenti della carta, del conto corrente. Pagare bollette della luce o del gas ecc…

Il prelievo da ATM è comodo perchè può essere fatto in qualsiasi ora del giorno,o della notte, dal lunedì al domenica.
E ci si può recare presso lo sportello automatico di qualsiasi banca non solo quello dove abbiamo il conto corrente. Questa operazione ha un costo che varia in base alla carta utilizzata per prelevare. Costi che sono elencati sul prospetto informativo della carta di pagamento e del conto corrente.

Cos’è un ATM

Quasi 95 anni fa in Inghilterra nasceva l’Automated teller machine(ATM) sportello automatico per prelevare denaro contante con le carte di pagamento. In Italia lo conosciamo come Bancomat, prende il nome dal consorzio che lo gestisce, e si trova installato nei pressi delle banche.
Ma oggi anche nei centri commerciali di molte città italiane. In Italia gli sportelli ATM sono oltre 46 mila.

Cos’è un ATM Bancario

Ma non tutti sanno che il primo ATM fu installato negli Stati Uniti e l’invenzione risale addirittura al 1939, ma fu un fallimento. Quando l’ATM è nato, oltre 40 anni fa, si poteva solo prelevare denaro. Oggi lo sportello automatico non consente solo di prelevare denaro 24 ore su 24 con carta di credito, carta di debito e carta prepagata, tutti i giorni compreso i giorni di festa ma è possibile:

  • Consultare la lista movimenti.
  • Saldo del conto corrente.
  • Versare assegni e contante.
  • Fare bonifici.
  • Pagare le utenze.
  • Ricariche telefoniche.
  • Dagli ATM bancari si può prelevare anche con la carta di pagamento di Poste Italiane, anche se sono associate al circuito di pagamento Postamat realizzato da Poste Italiane. Che non è collegato agli sportelli gestiti dal consorzio Bancomat.
    Leggi Anche: Postamat ATM cos’è.

    perchè bancomat trattiene carta

    Come si usa l’ATM Bancario?

    Il terminale si attiva introducendo una tessera magnetica nella fessura tipo la carta di credito, carta di debito o carta prepagata. Si digita il PIN cioè codice personale di identificazione. Si sceglie dal menu il tipo di operazione, ad esempio Prelievo, e poi si forniscono le indicazioni sulla somma da prelevare, dopo qualche istante escono fuori i soldi richiesti. Naturalmente prelevare denaro da ATM ha un costo che varia se l’operazione viene fatta in Italia presso ATM del gruppo della banca che ha emesso la carta, o da ATM non gruppo, o se il denaro viene prelevato all’estero o in valuta diversa dall’Euro. E dalla carta utilizzata per il prelievo.

    Massimale ATM giornaliero.

    Per motivi di sicurezza ci sono dei limiti di prelievo imposti dalla propria banca.
    Dai Bancomat di solito è possibile prelevare per ogni operazione €250, il limite è di €500 al giorno.
    Ma ogni banca applica dei massimali, per sapere quanto si può prelevare al giorno con la propria carta Bancomat si deve consultare il prospetto informativo.