Conto deposito di Poste Italiane esiste e quanto rende?

Attualmente né Poste Italiane, nè il Bancoposta, offrono alla clientela postale il classico conto deposito, molto apprezzato dagli italiani per parcheggiare la liquidità.
Qualche hanno fa era possibile vincolare delle somme di denaro sul Bancopostaclick e ottenere un tasso di interesse. Oggi questo prodotto non è più sottoscrivibile.
Perchè le Poste non hanno un conto deposito?
Di solito questo prodotto viene utilizzato dalle banche per raccogliere liquidità, Poste Italiane offre altri tipi di investimento simili.

In posta quali alternative al conto deposito?

Chi vuole depositare soldi in Posta, e non vuole aprire il conto deposito offerto dalle banche, e allo stesso tempo ottenere un piccolo rendimento può utilizzare due prodotti sicuri e garantiti come buoni fruttiferi postali.
Oppure il libretto postale che si può usare come il conto deposito, anche se tra libretto postale e conto deposito ci sono delle differenze.
Una di queste riguarda la tassazione sul libretto postale si paga l’imposta di bollo di €34,20 e la tassa sugli interessi maturati. Sul conto deposito si paga l’imposta di bollo dello 0,2% sul capitale depositato e la tassa sugli interessi maturati.

Quali differenze tra libretto postale e conto deposito.

Sul conto deposito si possono versare somme di denaro che arrivano da un conto d’appoggio con intestatario identico a quello del conto deposito.
Sul libretto postale non solo si possono versare soldi in contanti,o che arrivano da un conto bancario d’appoggio associato al libretto, ma anche con accredito della pensione.

Dobbiamo anche precisare che il rendimento offerto da questi due prodotti, buoni fruttiferi e libretto postale, è molto basso.
Per capire se sono convenienti al tasso lordo si deve sottrarre l’inflazione, l’imposta di bollo e la tassazione sui guadagni.
Forse sono convenienti i buoni fruttiferi per minori che si possono sottoscrivere anche come PAC piano di accumulo. Versando piccole somme mensili.
Anche le garanzie sono diverse libretto postale e buoni fruttiferi sono garantati al 100%. Il conto deposito fino a 100mila euro.

E’ meglio il libretto postale o conto deposito.

Buoni fruttiferi e libretto postale rendono meno del conto deposito, inoltre l’offerta di conti deposito è molto ampia e si possono ottenere rendimenti maggiori se si vincola il capitale. Ma con il vincolo non sempre è possibile svincolare, cioè prelevare il denaro prima della scadenza del vincolo. E quando è possibile si perdono gli interessi offerti sul deposito vincolato e si ottiene un rendimento base.