Conto corrente postale quanto costa ed è sicuro?

Il conto corrente postale offre gli stessi servizi offerti da quelli delle banche,non ci sono molte differenze.
E’ possibile fare bonifici, chiedere finanziamenti, agganciare un conto titoli, accreditare stipendio e pensione. Sono dotati di codice Iban e Bic/SWIFT ed è possibile inviare e ricevere bonifici verso tutti i conti correnti delle banche che fanno parte della Sepa, l’Area Unica dei paesi che accettano pagamenti in Euro. Anche la tassazione del conto corrente postale è identica a quello bancario.
Ma quanto sono convenienti i conti correnti postali?

Perché piacciono cosi tanto i conti correnti postali?

Perchè dopo l’introduzione del bail-in, che fa parte del nuovo pacchetto di regole sui salvataggi bancari, entrati in vigore da gennaio 2016, si pensa che siano più sicuri di quelli offerti dalle banche?
Poste Italiane anche se quotata a Piazza Affari non è una società privata, non è nemmeno una banca e non devi rispettare le regole imposte da Bce e Banca d’Italia.

I conti correnti postali sono più economici di quelli offerti dalle banche?

Attualmente per i privati che vogliono aprire un nuovo conto corrente postale esiste un solo prodotto offerto dal Bancoposta ed è meno conveniente del Bancopostaclic non più sottoscrivibile, ma ancora attivo per i vecchi correntisti.
Si chiama conto Bancoposta Più ha un costo mensile di euro 4 che si può azzerare se si rispettano una serie di condizioni, riportate sul sito Bancoposta, più accredito stipendio o pensione, oppure con un bonifico mensile di almeno euro 700.
Se usato online consente di ottenere risparmi ha un costo annuo che varia in base all’operatività che va da un minimo di€17,55 a un massimo di €80. Sicuramente è più conveniente di un conto corrente tradizionale offerto dalle banche. Ma attualmente ci sono conti online che costano meno.

Conto corrente postale le garanzie.

Visto che il Bancoposta non è una banca e non aderisce all’Abi non contribuisce con fondi al Fondo Interbancario i suoi conti correnti non sono garantiti da questo fondo,come lo sono quelli bancari che sono coperti fino a 100mila euro.
Ma sul conto corrente postale attualmente c’è la garanzia dello Stato.
Un vantaggio in questo momento perchè fa percepire il Bancoposta più sicuro delle banche. E in molti stanno si stanno spostando dalle banche alle Poste.Anche se per capire quale banca è più sicura si devono guardare una serie di dati.

Quanto sono sicuri i conti correnti postali.

La garanzia di Stato fa pensare che libretto postale e conti correnti postali siano sicurissimi,in realtà sono prodotti sicuri,ma non così sicuri come si pensa.
Perchè gran parte della disponibilità che i correntisti postali lasciano sul conto corrente viene investita da Poste Italiane in titoli di Stato.
Se un giorno lo Stato italiano non riuscisse a rimborsare questi titoli potrebbero sorgere problemi di liquidità.