Come ricaricare carta prepagata Visa o Mastercard

Se sei titolare di una carta prepagata sai che per essere utilizzata la carta deve contenere il denaro necessario per concludere il pagamento.
Perchè non è associata al conto corrente, e non è nemmeno una carta di credito. Quindi se il saldo è pari a zero per utilizzarla dovrai ricaricarla.
Questo può essere un vantaggio perchè ti permette di tenere sotto controllo le spese, puoi spendere solo il saldo disponibile. E in caso di furto, smarrimento clonazione si perde solo quanto caricato sulla carta. Ma ha degli svantaggi, quando finisci il credito devi ricaricarla e questa ricarica ha un costo. Il costo delle ricariche influisce sui costi di gestione annuale.

Come si ricarica la carta prepagata?

Ci sono diversi metodi per ricaricare una carta prepagata, che sia una Visa o una Mastercard. I metodi di ricarica, compreso le commissioni, non dipendono dal circuito di pagamento ma da chi emette e gestisce le funzionalità della carta prepagata.
Inoltre i costi variano in base al metodo scelto per la ricarica.
Che può essere fatta in contanti presso lo sportello della banca che ha messo la carta di solito questa operazione può costare in media €2.
La ricarica in contanti presso lo sportello bancario, se si tratta di una carta prepagata emessa dalle banche, o all’ufficio postale se si tratta di una carta Postepay, è il metodo meno economico.
Un altro metodo di ricarica è direttamente dal conto corrente se conto e carta sono stati aperti nella stessa banca. In questo caso basta collegarsi a internet per effettuare la ricarica il costo medio è di un euro.

Esempio…

Facciamo un esempio, se sei titolare del Conto Bancoposta puoi ricaricare una tua Postepay direttamente dal conto.
Se ad esempio sei titolare della Genius Card di Unicredit e sei anche titolare del conto corrente Unicredit puoi fare la ricarica dal tuo conto.
Un altro metodo che si sta diffondendo ultimamente è la ricarica da ATM bancario con altra carta.

Facciamo degli esempi:
Come ricaricare la Postepay.
Quanto costa ricaricare la Genius Card.
Quanto costa ricaricare la Superflash.
Quanto costa ricaricare la carta Paypal.

Ricaricare la carta prepagata in ricevitoria o tabaccheria.

Alcune carte possono anche essere ricaricate presso le ricevitorie Sisal come la Postepay .
Le carte prepagate Lottomaticard e Paypal possono essere ricaricate anche nelle ricevitorie Lottomatica.
Se la carta prepagata è dotata di codice Iban si può caricare anche con bonifico.
In questo caso la ricarica non sarà immediata come i metodi descritti in precedenza, ma si deve attendere che l’emittente della carta accrediti il bonifico sulla carta.La ricarica con bonifico di solito va da €0,50 a€1, non comprende i costi de bonifico .

Ci sono delle carte prepagate dove non si pagano le ricariche?

Certamente, anche se di solito si paga un canone annuale che può andare d a€24 a €10.
Ad esempio con il Conto Tascabile non si pagano le ricariche, e questa carta può essere richiesta d a tutti non solo dai titolari del conto corrente di Che Banca!.
C’è anche la db conto carta della Deutsche Bank, ma è offerta in promozione.
Oppure la carta ricaricabile Fineco, solo che si deve essere titolari di un conto corrente Fineco.
O la carta rilasciata da widiba anche in questo caso si paga un canone annuale e si deve essere titolari di un conto corrente widiba.
Come vedi ci sono dei vantaggi il risparmio sui consti di ricarica.
Ma anche degli svantaggi si paga un cannone annuale per la carta e in alcuni casi la carta può essere richiesta solo dai correntisti della banca.

La ricarica della carta prepagata è immediata.

Si la ricarica della carta prepagata è immediata, nel giro di poco di tempo trovi il saldo disponibile aggiornato.
A meno che non si stata ricaricata con bonifico in questo caso devi attendere che l’emittente della tua carta prepagata accrediti il bonifico.