Anche le carte prepagate hanno la franchigia

Le carte prepagate hanno una franchigia, ossia l’importo massimo a carico del titolare in caso di furto, perdita o utilizzo non autorizzato, attualmente fissata a 50 euro.

Scritto così sembra complicato, provo a farti un esempio per spiegare di cosa si tratta.

Qualche mese fa un mio amico si è recato all’estero per trascorrere un breve periodo di vacanza, ha usato la carta prepagata per acquistare qualche souvenir in piccoli negozietti locali. Al suo rientro ha purtroppo scoperto degli strani addebiti per un importo totale di 100 euro.

Come sia potuto accadere? Non ho idea, visto che per pagare si deve digitare il pin. Ma è riuscito a dimostrare che non si è trattato di un utilizzo incauto della carta.

Per ottenere il rimborso dall’emittente della carta, ha dovuto seguire la procedura per disconoscere gli addebiti . Ma gli è stato rimborsato la differenza tra la franchigia e l’importo addebitato.

Con la franchigia di 50 euro, il titolare sarà responsabile solo per la parte iniziale, mentre il resto sarà rimborsato dalla società emittente della carta.

Per approfondire questo argomento, consiglio di consultare il contratto stipulato con l’emittente della tua carta o di visionare il prospetto informativo.