Carta di credito clonata come riconoscerlo

Usiamo sempre di più le carte di credito, carte di debito e carte prepagate per gli acquisti sia online. Ogni anno vengono registrate miliardi di transazioni.
E con l’aumento dell’utilizzo delle carte aumentano i casi di clonazione.
Per evitare clonazioni su internet i consigli che si possono dare per fare acquisti in sicurezza sono i seguenti.

Per gli acquisti utilizzate solo siti sicuri ,conosciuti e che usano un protocollo di sicurezza, il famoso lucchetto che comprare vicino all’indirizzo nella barra del browser che deve essere chiuso.
Non rispondere alle mail che arrivano al’ indirizzo di posta elettronica dove vi vengono chiesti dati personali e bancari, nella maggior parte dei casi si tratta di phishing. Frode informatica per rubare dati come quelli del conto corrente e delle carte di pagamento per rubare i soldi.

1) Il rischio di clonazione non arriva solo in rete.

Si deve fare attenzione anche quando si usa nei negozi, o nei ristoranti mai perderla di vista. Ma anche al distributore di benzina, non sono rari i casi dove il distribuire viene manomesso.
E anche allo sportello bancomat.

2) Cosa fare se la carta di credito è stata clonata.

Bloccare subito la carta, telefonando al numero che l’emittente della vostra carta ha messo a disposizione per chiedere il blocco della carta.
Fare denuncia alla polizia o Carabinieri, la denuncia è importante perché servirà per chiedere rimborso delle somma addebitate, che vanno disconosciute compilando un modulo da consegnare all’emittente della vostra carta.
La carta clonata deve essere bloccata e sostituita con una nuova.

3) Come accorgersi che la carta di credito  è stata clonata?

Non è facile, ma abbiamo diversi strumenti per controllare la nostra carta quasi in tempo reale e intervenire in caso di movimenti sospetti.
Ad esempio controllare spesso saldo e movimenti possiamo farlo dall’internet banking, non c’è bisogno di recarsi ogni volta allo sportello automatico..
Possiamo ricevere avvisi sul telefonino ogni volta che la carta viene utilizzata.
Così se veniamo avviati un pagamento e non lo abbiamo fatto possiamo intervenire.