Il Bancomat funziona all’estero?

Prima di partire per una località straniera controllate che la vostra carta di debito sia utilizzabile anche all’estero.

Sembra una banalità ma non lo è, molti partono per l’estero con il contante e la carta di debito in caso di necessità.
Quando il contante inizia a scarseggiare si utilizza la carta bancomat per prelevare, o per pagare le spese, a quel punto ci si accorge che la carta  non può essere usata all’’estero.

La carta Bancomat funziona all’estero  se associata non solo al circuito domestico PagoBancomat ma anche ad uno dei circuiti internazionali Maestro, Mastercard, Visa, Visa Debit,  o Visa Electron.
Prima di partire chiedi alla tua banca se la carta è abilitata all’estero, in particolare nella località dove ti stai recando per vacanza o per lavoro. Controllo il prospetto informativo, quali sono i limiti di prelievo e dei pagamenti all’estero.

Come faccio a sapere se il mio Bancomat funziona all’estero?

E’ molto semplice, controlla che sulla carta oltre al logo Pagobancomat sia stampato il logo dei uno dei circuiti internazionali Mastercard, Maestro, Visa Debit. Nella maggior parte dei casi il Bancomat associato a un circuito internazionale è abilitato per l’estero.
Se non lo fosse puoi attivare questa funzionalità da internet, oppure in banca.
Oggi molte banche per motivi di sicurezza bloccano di default le carte di debito in alcuni Stati, quelli ritenuti più a rischio di clonazione.
Ma il titolare della carte può modificare in qualsiasi momento la lista dei paesi dove abilitare o bloccare la carta, molte banche consentono di farlo.

Prelievo Bancomat estero.

Prima di prelevare controlla che l’ATM esponga il logo del circuito della carta, altrimenti non sarà possibile prelevare. In pratica devi cercare un ATM convenzionato con il circuito della tua carta di debito.

Prelievo Bancomat all’estero costi.

Per quanto riguarda i costi per il prelievo estero cambiano in base alla valuta del prelievo.
Se il prelievo viene fatto in valuta euro la commissione sarà la stessa di quando prelevate in Italia da Altre banche.
Se invece il prelievo è in valuta diversa dall’euro oltre al costo del prelievo si paga la commissione per operazione in valuta diversa dall’euro.