HomeCarte di PagamentoGuidePhishingContattiPrivacyCookiesChi Siamo

Si possono pagare gli acquisti su Amazon con le carte prepagate?

Amazon è una delle più grandi aziende americane di commercio elettronico, ha aperto un centro di distribuzione prodotti anche in Italia a Castel San Giovanni.

Da tempo Amazon ha aperto il sito in italiano di commercio elettronico Amazon.it, dove i clienti italiani possono acquistare articoli ricevendo la merce dall’Italia o dai magazzini in Francia e Germania. Quando Amazon non era ancora presente in Europa, Amazon ha centri di smistamento e magazzini in Inghilterra, Francia, Germania e Italia, gli italiani che volevano acquistare prodotti su Amazon dovevano collegarsi al sito Amazon.com e ricevere la merce dagli Stati Uniti.

Come sistema di pagamento sono accettate carte di credito e di debito anche le carte prepagate, ma Amazon non è possibile pagare con il sistema di pagamento Paypal. Se la carta prepagata che si vuole registrare è la Postepay basta selezionare la voce Postepay, per le altre carte prepagate basta selezionare il circuito della carta. Le carte accettate su Amazon sono del circuito Visa e Visa Electron, Mastercard, CasrtaSi Visa, Cartasi Mastercard, American Express, Postepay, Maestro.
Quando si registra una carta su Amazon e si procede al pagamento dell’acquisto, tenete presente che dal saldo della carta oltre al costo dell’acquisto sarà sottratta una  somma aggiuntiva come verifica della carta.

Dopo circa 20 giorni lavorativi, secondo il circuito della carta e dell’emittente della carta, la somma prelevata in più sarà riaccreditata sulla carta. Questo succede solo per il primo acquisto fatto con la carta prepagata registrata per la prima volta su Amazon, dagli acquisti successivi non sarà addebitata nessuna somma aggiuntiva.

Ultimi Articoli

Carta conto Iban corretto ma nome o cognome beneficiario sbagliato il bonifico arriva?

Postepay saldo contabile e disponibile, perchè differente

Ricaricare Postepay da conto corrente bancario

Tracciabilità dei pagamenti come il fisco tiene traccia dei nostri movimenti