Bloccare prelievi automatici su carta di credito

L’esperienza insegna mai pagare le bollette telefono, luce, gas, abbonamento tv satellitare o digitale, con addebito diretto su carta di credito. Meglio il rid su conto corrente, oggi sostituito dal servizio SSD, Sepa Direct Debit, se si vuole una procedura automatica per i pagamenti perchè si ritiene più conveniente che pagare con il bollettino postale. Infatti con addebito diretto sul conto corrente è più conveniente perchè il servizio nella maggior parte dei casi è gratuito. Ma perchè è sconsigliato l’addebito su carta di credito?

Di solito quando si sottoscrive un contratto con una società di servizi si decide di scegliere di pagare con carta di credito perchè si ritiene più economico del bollettino. Infatti quando si sottoscrive un contratto e si decide per il pagamento con bollettino postale, la società che offre il servizio chiede fino a €100 come caparra che sarà restituita quando si recede il contratto.

Pagare questi servizi con pagamento automatico su carta di credito può essere sconveniente in caso si voglia bloccare il pagamento automatico. Come ad esempio può capitare di trovare in bolletta degli addebiti non dovuti e se si vuole dare disdetta dell’addebito su carta di credito spesso la procedura diventa lunga e complessa . Oppure si vuole semplicemente cambiare metodo di pagamento.

Come revocare pagamento con carta di credito.

Doevi sapere che  bloccare un addebito su carta di credito non è come  bloccare il vecchio Rid bancario, oggi sostituito da Sepa Direct Debit, dove si chiede semplicemente di annullare firmando dei fogli in banca ed il gioco è fatto. Con la carta di credito è più complicato, perchè si tratta di una autorizzazione che il titolare della carta di credito concede l’esercente che offre il servizio.
Quindi  nè la banca, né l’emittente della carta di credito possono bloccare gli addebiti . Conseguenza se si decidi di revocare devi chiedere la disdetta all’esercente, società, che eroga il servizio per cambiare metodo di pagamento.
In caso la revoca venisse rifiutata si devono trovare strade alternative come il blocco della carta di credito che può causare altri problemi, o disdire il contratto con la società che eroga il servizio.


;